Testata_gdt
Il tram Sirio di Firenze in servizio sulla linea T1 - Foto Giovanni Giglio
Ripartono i lavori del tram a Firenze, al via i cantieri per due linee
8 Luglio 2014 Infrastrutture
Print Friendly, PDF & Email
Il tram Sirio di Firenze in servizio sulla linea T1 - Foto Giovanni Giglio

Tram Sirio a Firenze in servizio sulla linea T1
Foto Giovanni Giglio

Riparte il programma di espansione della rete tram a Firenze. Dopo vari intoppi procedurali, organizzativi e imprenditoriali che ne hanno ritardato l’attuazione operativain tutti questi anni, finalmente il 14 maggio scorso sono stati consegnati al concessionario i cantieri per la realizzazione delle linee 2 e 3 della nuova rete tram fiorentina. Da questa data sono iniziati a decorrere i tempi contrattuali per la costruzione delle linee, ovvero 850 giorni per la 2 e 1.198 giorni per la 3.
I lavori della linea 2 sono iniziati nei primi giorni di luglio con il cantiere di Peretola; per quanto riguarda la linea 3 i primi interventi riguardano invece l’area di viale Strozzi e strade limitrofe.
Far ripartire i lavori del tram nel capoluogo toscano era diventato un impegno fondamentale per un’opera assolutamente strategica per la città, come del resto hanno confermato i primi anni di esercizio della linea 1, Stazione Santa Maria Novella-Scandicci, diventata ormai un punto fermo della mobilità cittadina con quasi 13 milioni i viaggiatori trasportati nel 2013.
Dopo aver assicurato, con la linea 1, il collegamento del sud-ovest fiorentino con la stazione di Santa Maria Novella, si tratta ora, con le linee 2 e 3 oggi al via, di fare altrettanto con il settore nord-ovest che rappresenta la nuova centralità funzionale dell’area metropolitana, specie dopo il trasferimento in zona di servizi di primaria importanza come il PalaGiustizia e l’Università che sono andati ad aggiungersi all’Aeroporto, all’Autostrada del Sole, al polo ospedaliero di Careggi.

MAPPA2PRECISA

Il sistema tranviario fiorentino è costituito da 3 linee

Linea 1 – Firenze S.M.N.–Scandicci, in esercizio dal 14/02/2010
Linea 2 – Peretola–Piazza dell’Unità d’Italia – Dal capolinea presso l’aeroporto, la linea sottopassa viale Guidoni e la direttrice ferroviaria Firenze-Pisa, innestandosi successivamente su via di Novoli. Superata la rotatoria di viale Forlanini, su viadotto di nuova costruzione, e i torrenti Terzolle/Mugnone, percorre via Buonsignori e via Gordigiani. Prosegue lungo l’argine del Mugnone ed entra nell’area servizi della nuova stazione Alta Velocità, dalla quale esce in viale Belfiore, in corrisondenza dell’edificio del Mazzoni, dove superficie verrà effettuata una significativa riqualificazione urbana. Imbocca quindi via Guido Monaco, percorre via Alamanni ricongiungendosi con la Linea 1 e interscambia con essa alla fermata della Stazione S.M.N., fino al capolinea di piazza dell’Unità (provvisorio, fino alla realizzazione della tratta di collegamento v.le Strozzi-v.le Lavagnini-p.zza della Libertà-p.zza San Marco).
Linea 3.1- Careggi–Firenze S.M.N. – Dall’attuale capolinea di Linea 1, la linea proseguirà di fianco alle scalinate della Stazione S.M.N. per poi immettersi su piazza Stazione e successivamente su via Valfonda. All’altezza di piazza Stazione, nei pressi di piazza Unità, sarà situato il capolinea provvisorio per l’esercizio tranviario di Linea 2. La linea tranviaria prosegue poi su piazza Bambini e Bambine di Beslam, prosegue di fianco ai giardini della Fortezza da Basso e si immette in via dello Statuto attraversando il ponte sul Mugnone e il sottopasso ferroviario; qui rimarrà una corsia in direzione Careggi. Dal sottopasso, il tracciato attraversa via Guasti, piazza Viessueux, via Gianni, piazza Leopoldo e via Tavanti, dove è prevista una “biforcazione” della linea su via Vittorio Emanuele, con binario singolo in direzione Careggi, e su via Corridoni/Pisacane, con binario singolo di ritorno verso il Centro Storico. Il tracciato sfocia in piazza Dalmazia, percorre tutto viale Morgagni sino a Largo Brambilla, ove è previsto il mantenimento di due corsie veicolari per senso di marcia e la corsia preferenziale per le ambulanze. Il capolinea è previsto di fronte all’ingresso principale dell’ospedale di Careggi.

Inoltre è in via di definizione la progettazione relativa alle estensioni del sistema tranviario verso la zona Sud-Est della città attualmente rappresentate dalla Linea 3.2, dalla Fortezza sui viali attraverso piazza Libertà, con due rami, uno verso Rovezzano (7 km) e uno verso Bagno a Ripoli (8 km), a servizio delle popolose aree di Campo di Marte, Gavinana e Firenze Sud, e Linea 4 lungo la tratta Leopolda-Indiano(ex FS Cascine)-Le Piagge.
Per queste due ultime estenzioni le fasi di progettazione ed esecuzione non sono ancora state avviate.

La Regione ha finanziato con 1 milione di euro la redazione del progetto per il prolungamento della rete tranviaria verso Campi Bisenzio e verso Sesto Fiorentino (Polo scientifico), ma la tramvia si allunga anche verso sud-est, fino a Bagno a Ripoli. E’ stato infatti aggiornato l’accordo di programma inserendo il prolungamento verso Bagno a Ripoli lungo la provinciale di Rosano.

"1" Comment
Comments are closed
IlPendolare Magazine - La Gazzetta dei Trasporti Registrazione Tribunale di Roma n. 461/2007 Una realizzazione Officina Mediatica di Giovanni Giglio - P.Iva 12971161000 // Hosted by Aruba
****