Testata_gdt
Trenitalia per il Giubileo, intervista a Orazio Iacono
21 Novembre 2015 Ferrovie
Print Friendly, PDF & Email
Orazio Iacono, direttore divisione regionale Trenitalia - Foto Gruppo FS Italiane

Orazio Iacono, direttore divisione regionale Trenitalia
Foto Gruppo FS Italiane

Tre treni regionali all’ora collegheranno dal 29 novembre Tiburtina a Roma San Pietro e un Leonardo Express ogni quarto d’ora Termini a Fiumicino, la stazione Tiburtina, al centro della mobilità romana, verrà servita giornalmente da 64 Frecciarossa, 22 Frecciargento e 10 treni Intercity e Notte.
Questi i punti salienti del piano messo a punto da Orazio Iacono, ‎Direttore Divisione Passeggeri Regionale Trenitalia, per trasportare i fedeli e facilitare la vita ai romani.

Qual è la forza di questo piano?

La risposta è tutto sommato semplice; gli anni di esperienza che la nostra azienda ha la fortuna di poter vantare; la professionalità del personale, la nostra capacità come azienda di soppesare rischi e cogliere al meglio le opportunità. Ma soprattutto l’entusiasmo con cui siamo sempre pronti ad affrontare nuove sfide. E non posso non dare onore al merito, di fronte ad un progetto così lungo e sfidante, del fattivo supporto fornito della Regione Lazio e della preziosa collaborazione e fiducia che la Santa Sede ha riversato in noi.

La mobilità ferroviaria per Expo si è rivelata efficiente ed efficace, un riconosciuto modello di successo. Riusciremo a replicare questo modello per il Giubileo?

Per quanto EXPO sia stato un indiscusso successo non può essere paragonato a quello che ci attende per il Giubileo. Tanto per cominciare l’impegno dell’azienda non si limita a sei mesi ma a un anno. Più importante, non si tratta di un evento di portata mondiale circoscritto a una specifica area geografica. Il Giubileo della Misericordia non solo vedrà coinvolta tutta la Capitale, ma anche altri 4 principali luoghi di richiamo della fede quali Padova, Assisi, Loreto e San Giovanni Rotondo, per non parlare di altri importanti luoghi di attrazione. Per fedeli e turisti in tutta l’Italia.
Nel caso di EXPO la Divisione Passeggeri Regionale ha partecipato fattivamente con un’offerta che ha riscosso indubbio interesse con servizi provenienti dalle regioni limitrofe alla Lombardia, dove invece non dobbiamo dimenticare opera Trenord, controllata di Trenitalia al 50%, e per cui vanno i meriti per gli sforzi effettuati per garantire non solo un ottimale servizio quotidiano per i pendolari, ma anche una positiva esperienza per tutti i visitatori provenienti da fuori che si trovavano a spostarsi dentro la regione o ancor più dentro Milano.
Dunque faremo certamente tesoro non solo ora, ma per gli anni a seguire, delle migliori pratiche messe in essere per EXPO, non credo che le due possano essere direttamente paragonate. Quello a cui andiamo incontro quest’anno è un’esperienza nuova e sfidante.

È l’occasione giusta per lanciare Tiburtina?

Tiburtina è un punto d’interscambio strategico con i servizi urbani, suburbani ed extraurbani. La stazione è pronta ad essere pienamente sfruttata per tutte le sue indiscutibili capacità sia in termini di ricettività ferroviaria, che di accoglienza verso quello che presagiamo essere un flusso certo ed importante di visitatori verso la Capitale. È l’opportunità tanto attesa di dimostrare la posizione strategica nel cuore della città in cui è ubicata, e la possibilità di dimostrare quello che da tempo ormai l’azienda asserisce essere il modus migliore per spostarsi comodamente in una metropoli, ovvero attraverso un sistema intermodale. L’area parcheggio dedicata nella stazione che può ospitare ben 130 bus gran turismo, e la forte offerta metropolitana che abbiamo messo in campo certamente mostrerà anche ai cittadini di Roma come sia molto più conveniente, pratico e veloce adottare soluzioni ferro gomma anche solo per brevi distanze all’interno dell’agglomerato urbano.

Che vantaggi ci sono nel lasciare l’auto e prendere il treno?

Si risparmia tempo, soldi e indubbiamente stress. Viaggiare all’interno dell’anello ferroviario di Roma ammonta a solo 1 euro per 90 minuti di viaggio. Difficile trovare soluzioni più convenienti per spostarsi. E con un’offerta che già oggi, prima del cambio orario del 29 novembre, giorno in cui attiveremo i servizi straordinari previsti per il Giubileo, consente ai romani di spostarsi da un capo all’altro della città con tempi di viaggio davvero competitivi rispetto all’auto privata o ai trasporti pubblici di superficie. E assoluta novità, per il Giubileo lanceremo una nuova carta di viaggio, laLazio Unica Pass – Speciale Giubileo. I clienti in visita a Roma potranno scegliere tra 4 tipologie di carta, per viaggiare 24, 48, 72 ore o una intera settimana su tutti i sistemi di trasporto pubblico dentro la città; dunque treni, bus e metro indistintamente.
E, merito l’importante collaborazione maturata direttamente con la Santa Sede, queste carte di viaggio, uniche peraltro nella forma perché raffiguranti il volto delSanto Padre, offriranno all’acquirente di ricevere uno sconto sull’ingresso dei Musei Vaticani e di poter accedere al museo tramite gli accessi veloci, evitando file. Un altro degli importanti contributi che l’azienda vuole dare affinché l’esperienza nella Capitale possa essere vissuta intensamente e senza stress, massimizzando il tempo a propria disposizione.

Con un aumento così consistente di offerta ferroviaria regionale, si può parlare di metropolitana?

Già da anni definiamo il servizio offerto in città un servizio di tipo metropolitano; i servizi attuali sono assimilabili a quelli delle grandi città europee, tant’è che il percorso tra Roma Tiburtina e San Pietro riprogrammato per favorire gli spostamenti dentro il cuore della città, è paragonabile ai più conosciuti servizi di tipo cosiddetto “U Bahn”. Parimenti le linee FL sono sostanzialmente equivalenti alle più note linee “S Bahn”, ovvero un sistema di trasporto di tipo capillare studiato per i viaggiatori provenienti dalle aree cittadine più periferiche – entro un confine di 30 chilometri – per accompagnarli nel centro città con un’offerta cadenzata a frequenza – durante gran parte della giornata – a soli 15 minuti.

È possibile che il modello di scambi tra treni messo a punto per raggiungere la stazione di San Pietro durante il Giubileo diventi una soluzione permanente per Roma?

Questa risposta è in mano alla Regione. Per poter potenziare l’offerta in occasione del Giubileo, ci troviamo costretti ad affrontare costi industriali maggiori, che la Regione Lazio, anche attraverso il supporto del Governo, deve necessariamente sopperire, pena non operare i servizi oppure aumento delle tariffe. Certamente faremo e faranno tesoro di quanto verrà messo in campo quest’anno per valutare, a conclusione del Giubileo, se sia utile al cittadino romano, e dunque non solo ai visitatori che raggiungeranno la Capitale unicamente per le celebrazioni che in esso si terranno, mantenere i servizi che metteremo in campo ad hoc.

Come sono stati reperiti tutti questi treni aggiuntivi?

Lo sforzo adoperato dal personale, soprattutto della Direzione Regionale Lazio, con il supporto costante e prezioso delle strutture centrali, è riuscito a rivedere l’offerta senza per questo stravolgere i servizi a cui l’utenza è abituata e a cui fa quotidianamente affidamento per spostarsi da casa a lavoro o scuola. E ancora una volta, la volontà della Regione di investire economicamente nell’offerta che è stata loro proposta. Come accennato, de facto non sono state introdotte nuove linee, ma uno studio attento della rete regionale e del materiale e personale in dotazione ha consentito di allungare alcuni servizi ferroviari, facendo si che la stazione di San Pietro fosse nei progetti collegata frequentemente e con tempi di percorrenza assolutamente ridotti – solo 24 minuti – dalla Stazione Tiburtina, che si trova al capo opposto della città; attraverso un passante importante come quello di Roma Ostiense e Trastevere, per soddisfare la domanda per Roma Sud; e con collegamenti che proseguono poi fino a La Storta e oltre, rispondendo ad una importante area periferica a Nord di Roma.

Oltre a trasportare i pellegrini a destinazione, come saranno fornite loro le informazioni necessarie per orientarsi in città?

Ormai tutti siamo dotati di PC o comunque siamo avvezzi alla navigazione sul web, e dunque si sta realizzando una sezione dedicata appositamente per il Giubileo sul sito. L’azienda sta inoltre predisponendo fiche horaire, orari tascabili dedicati, che saranno di indubbio aiuto negli spostamenti per Roma a chi di Roma non è. E una presenza massiccia presso le principali stazioni della Capitale con personale dedicato a fornire informazioni e supporto affinché tutti coloro che verranno in visita alla città possano sfruttare a pieno l’offerta messa in campo. Oltre cinquanta persone in grado di parlare più lingue verranno dedicate unicamente all’accoglienza, ma a rendere questa sfida un successo dovremo contare sull’indubbia professionalità e dedizione di chi tutti i giorni contribuisce a far viaggiare letteralmente milioni di persone.

Comments are closed
IlPendolare Magazine - La Gazzetta dei Trasporti Registrazione Tribunale di Roma n. 461/2007 Una realizzazione Officina Mediatica di Giovanni Giglio - P.Iva 12971161000 // Hosted by Aruba
****