Testata_gdt
Jazz, Swing e Vivalto, i treni del trasporto regionale - Foto Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane
Orario 2016 di Trenitalia, tutte le novità regione per regione
14 Dicembre 2015 Abruzzo
Print Friendly, PDF & Email

Da domenica 13 dicembre 2015 è in vigore il nuovo orario ferroviario di Trenitalia. Resterà valido sino all’11 giugno 2016.
Per quanto riguarda l’offerta Frecce e Alta Velocità le novità più rilevanti sono le quattro nuove corse Frecciarossa tra Roma e Milano che portano a 86 i collegamenti quotidiani veloci tra le due città e la coppia di Frecciargento in più tra la Capitale e Bolzano (v. articolo).
Nel servizio regionale, dove la programmazione dell’offerta compete alle singole Regioni committenti, è da segnalare il forte potenziamento dei servizi soprattutto metropolitani, già attivato dallo scorso 29 novembre a Roma, in occasione del Giubileo. Oltre all’aumento dei collegamenti con la stazione di Roma San Pietro, dove fermano 247 treni al giorno, grande attenzione ai collegamenti con l’aeroporto di Fiumicino. Le corse del Leonardo Express, il treno no stop tra Termini e lo scalo aeroportuale, passano da 88 a 108 al giorno.
Novità importanti anche in Liguria, dove il nuovo orario introduce una cadenzamento nelle partenze delle corse, e in Umbria e nel Bacino del Cadore, dove si sta realizzando una più efficace integrazione tra i servizi ferroviari e quelli su strada. Novità anche al Sud, un nuovo modello di esercizio ferroviario in Sicilia finalizzato a rimodulare l’offerta per renderla più adeguata alle differenti esigenze dei viaggiatori: corse frequenti e capillari intorno ai centri urbani e veloci tra i capoluoghi.

Ma vediamo nel dettaglio regione per regione le novità introdotte.

Abruzzo

Confermata l’offerta dei servizi regionali di Trenitalia. Seppur di altro gestore si segnala un nuovo collegamento ferroviario Pescara – Sulmona e ritorno gestito da TUA-Sangritana

Basilicata
Con il nuovo orario 2016 la Basilicata diventa sempre più vicina alla Campania e alla Puglia. Questo vuol dire riqualificazione dei collegamenti regionali e una migliore integrazione ferro-gomma verso Foggia e Salerno e con i servizi AV in partenza e arrivo da Salerno.
Sulla linea Potenza-Salerno sono stati inseriti nuovi collegamenti veloci, con riduzione dei tempi di percorrenza fino a mezz’ora, grazie all’ individuazione delle fermate in cui si concentra la maggiore domanda di mobilità.
I collegamenti veloci, attuati di concerto con la Regione Basilicata, serviranno le località di Picerno, Baragiano, Bella Muro, Eboli e Battipaglia.
Confermati col nuovo orario anche i servizi sostitutivi su Salerno e Napoli in collegamento con i treni Frecciarossa.
Sulla linea Potenza – Foggia, interessata da importanti lavori di ammodernamento, è previsto un collegamento veloce per e da Foggia in coincidenza con treni Frecciabianca e Intercity.
I servizi sostitutivi su questo versante, garantiscono collegamenti di raccordo fra Melfi e Foggia in coincidenza con treni regionali e collegamenti fra Potenza e Foggia in coincidenza con i treni per Roma e Milano.
Sulla linea Potenza-Taranto l’offerta resta confermata.

Calabria

Nessuna informazione in merito giunta in redazione.

Campania

L’orario invernale di Trenitalia introduce alcune novità per il trasporto regionale in Campania. La nuova offerta prevede il ritorno del servizio “Ring”, con treni ad itinerario circolare Napoli-Caserta-Napoli percorso via Cancello all’andata e via Aversa al ritorno, o viceversa, con una struttura di tipo “cadenzato”, per conferire al servizio una maggiore regolarità e permettere alla clientela di memorizzare meglio l’orario del proprio treno.
La nuova programmazione, concordata con la Regione committente del servizio, consente di ottimizzare i tempi di viaggio tra i capoluoghi e i centri urbani collegati, con particolare attenzione all’integrazione con altre modalità di trasporto. È quanto realizzato a Salerno mediante l’interscambio tra i servizi di metropolitana cittadina, i treni della linea costiera e quelli della Napoli – Sapri.

Emilia Romagna

In Emilia Romagna la principale novità del servizio regionale è la nuova fermata di Bologna San Vitale, assegnata a 47 dei 51 treni Regionali della linea Bologna-Prato. Per quanto riguarda gli altri collegamenti, è sostanzialmente confermato l’orario in vigore, compreso il collegamento diretto Ravenna-Milano e ritorno predisposto per Expo Milano 2015.

Friuli Venezia Giulia

Confermata l’offerta di servizi cadenzati lungo tutte le linee regionali, salvo alcuni limitati aggiustamenti di orario.

Lazio

Nel servizio regionale del Lazio come accennato è da segnalare il forte potenziamento dei servizi, già attivato dallo scorso 29 novembre, in ambito metropolitano a Roma, in occasione del Giubileo (v. articolo). Oltre all’aumento dei collegamenti con la stazione di Roma San Pietro, dove fermano 247 treni al giorno, grande attenzione ai collegamenti con l’aeroporto di Fiumicino. Le corse del Leonardo Express, il treno no stop tra Termini e lo scalo aeroportuale, passano da 88 a 102 al giorno.
Altra novità è il nuovo collegamento serale per Rieti in partenza da Roma Tiburtina alle 20.35, con fermate intermedie a Orte, Narni, Terni e in arrivo a Rieti alle 22.15.

Liguria

La nuova programmazione, curata dalla Regione Liguria, vedrà l’avvio del cadenzamento orario per una maggiore leggibilità e migliore memorizzazione. Gli orari di partenza si ripeteranno infatti sempre agli stessi minuti e saranno diversificati a seconda della destinazione. Questo, oltre ad assicurare interscambi agevolati e maggiore sinergia con le altre modalità di trasporto (gomma e metro), consente una migliore integrazione dei servizi ferroviari regionali con quelli a lunga percorrenza e la continuità del servizio anche nelle fasce orarie a minor frequentazione.
Si tratta di una prima fase della riqualificazione dei collegamenti ferroviari orientata verso un modello europeo di interscambio/frequenza/velocità e migliori performance dell’integrazione ferro-gomma.
In una prima fase sperimentale, la fascia oraria pendolare del mattino, fino circa alle 9.00, sarà esclusa dal cadenzamento. Ne sarà interessata successivamente.

Lombardia

Novità anche per i treni del trasporto regionale lombardo gestito da Trenord
Sulle linee suburbane potenziamento, modifiche di orario e/o di percorso interesseranno il servizio delle linee S2 Mariano-Seveso-Milano (corse prolungate fino a Meda), S8 Lecco-Carnate-Milano (orario modificato per il treno 10821), S9 Albairate-Milano-Saronno (nuove corse), S11 Chiasso-Como-Milano-Rho (nuova corsa e prolungamento servizio); novità anche per le linee suburbane S10 e S40 del Canton Ticino;
Sulle altre linee regionali potenziamento, modifiche di orario, fermate e/o di percorso interesseranno il servizio delle linee RE per Bergamo, Varese, Alessandria (via Pv-Voghera) e Malpensa e delle linee R per Brescia, Luino, Asso, Piacenza e Como-Lecco (con nuove corse e prolungamento di treni già esistenti);
Infine nuovo materiale rotabile entrerà in servizio sulle linee suburbane S8, S9, S13 e sulle linee regionali dirette a Bergamo, Domodossola, Verona, Tirano, Mantova, Pavia e Piacenza;
Nuovo cadenzamento orario per il Servizio Aeroportuale Milano Cadorna-Malpensa Aeroporto.
I treni partiranno da Malpensa A. ai minuti ’26 e ’56 ed arriveranno a Malpensa A. ai minuti ’04 e ’34. Non sono previste modifiche agli orari di partenza e arrivo nella stazione di Milano Cadorna.
Vengono inoltre istituite le fermate intermedie di Saronno e Busto Arsizio Fn.

Marche

Nessuna informazione in merito giunta in redazione.

Molise

Nessuna modifica per i pochi collegamenti ferroviari riguardanti la regione.

Piemonte

I Servizi SFM (Servizio Ferroviario Metropolitano) e SFR (Servizio Ferroviario Regionale) vengono confermati nella loro interezza. Si fa presente che comunque alcuni collegamenti ferroviari gestiti da Trenord hanno subito modifiche e si rimanda per questo alla sezione relativa alla regione Lombardia.

Puglia

Non sono giunte comunicazioni di modifiche sostanziali all’offerta regionale già in essere.

Sardegna

Novità principale per le ferrovie in Sardegna l’entrata in servizio dei primi tre moderni Atr365 sui collegamenti le tratte Cagliari-Sassari-Cagliari, Cagliari-Olbia-Cagliari e Olbia-Sassari-Olbia (v. articolo)
Con l’arrivo dei nuovi treni si incrementa l’offerta che sale da 10 a 14 collegamenti tra il capoluogo regionale e la città di Sassari e tra Sassari ed Olbia, con l’aumento delle corse da 12 a 16.
Da gennaio 2016 previste ulteriori modifiche dell’offerta, grazie all’immissione di ulteriori 4 Atr365, e l’istituzione di relazioni dirette senza fermate intermedie.

Sicilia

Novità interessanti anche per il trasporto regionale in Sicilia dopo l’oblio degli ultimi anni.
Cadenzamento orario su alcune direttrici e l’avvio del collegamento diretto Siracusa-Palermo con una coppia di treni che unirà le due città senza cambi in stazioni intermedie.
Confermate le corse dirette tra Palermo e Catania e l’interruzione per lavori tra Palermo Notarbartolo e l’Aeroporto di Punta Raisi.
La nuova programmazione, concordata con la Regione, consente di ottimizzare i tempi di viaggio tra i capoluoghi e i centri urbani collegati, con particolare attenzione all’integrazione con altri servizi di trasporto urbano ed extraurbano, secondo canoni europei. È quanto realizzato a Catania, che diventa principale snodo per una fitta rete di collegamenti con le altre linee regionali.

Toscana

In Toscana per quanto riguarda i servizi regionali è confermato l’orario in vigore con specifici aggiustamenti su alcuni treni richiesti da Regione Toscana. L’unica modifica da segnalare, è l’orario della relazione Firenze-Roma/Foligno che vede posticipate le partenze per i treni del pomeriggio da Firenze al minuto 13, anziché al minuto 9 ad eccezione del R2317 che fino alle festività partirà alle 19.04.

Trentino Alto Adige/Sudtirol

In provincia di Trento, aumentano i treni gestiti da Trentino Trasporti lungo la ferrovia della Valsugana Trento-Borgo Valsugana-Bassano con un cadenzamento orario lungo l’intera tratta e a 30 minuti tra Trento e Borgo.
Confermata l’offerta ferroviaria nel resto della provincia di Trento e in tutta la provincia di Bolzano, dove si segnala il potenziamento dei collegamenti transfrontalieri lungo la linea della Val Pusteria.
Infatti tutti i treni provenienti e diretti a Fortezza avranno origine/destinazione non più la stazione di confine di San Candido (Italia) ma i nuovi capolinea di Sillian (Austria) e Lienz(Austria)

Umbria

La principale novità riguarda il potenziamento dei servizi sul corridoio Foligno-Assisi-Perugia- Magione, ottenuto con l’introduzione di 3 nuove coppie di treni: R22830 Foligno 6.47 – Magione 8.02; R22829 Magione 8.12 – Foligno 9.26: R22832 Foligno 13.25 – Perugia 14.08; R22827 Perugia 15.17 – Foligno 16.05; R22828 Foligno 15.34 – Perugia 16.15; R22833 Perugia 17.04 – Foligno 17.46
Inoltre, per migliorare i collegamenti con la capitale – in occasione del Giubileo della Misericordia – sono stati ridotti i tempi di percorrenza a 2 collegamenti: il R 2480 in partenza da Roma Termini alle 7.58 arriverà a Perugia alle 10.28 (anziché alle 10.40) e il R 2489 in partenza da Perugia alle 18.10 (anziché alle 17.56) giungerà nella capitale alle 20.30 (anziché alle 20.35).
Infine, nell’ambito del progetto di miglioramento dei servizi integrati di trasporto per il Giubileo, realizzato con Umbria Mobilità Esercizio, sul corridoio Foligno-Assisi-Perugia-Magione dal 7 gennaio saranno potenziati i servizi bus di adduzione e distribuzione urbana ed extraurbana in corrispondenza delle principali stazioni. Così come verrà potenziata con servizi su gomma aggiuntivi anche la relazione Perugia-Terni, per offrire maggiori possibilità di interscambio con i treni diretti a Roma.

Valle d’Aosta

Il servizio ferroviario della piccola regione alpina rimane sospeso in una situazione di limbo in attesa che si delinei il passaggio delle competenze, e dei relativi finanziamenti, da parte dello Stato, e la successiva stipula del Contatto di Servizio.
Nel frattempo, viene confermata l’offerta tra Aosta e Torino, con la consueta rottura di carico ad Ivrea e Chivasso, mentre si segnala l’insolita decisione di Trenitalia di sospendere l’esercizio ferroviario lungo la Aosta-Pre Saint Didier a partire dal 24 dicembre.

Veneto

Regione e Trenitalia hanno introdotto nuovi modelli di esercizio per migliorare la qualità del servizio, accogliendo anche le richieste dei comitati pendolari ed implementando l’offerta commerciale su alcune delle principali linee.
Linea Belluno-Padova/Treviso: relazioni dirette fra Belluno e Treviso e rottura di carico a Montebelluna per i viaggiatori diretti a Padova, con l’obiettivo di incrementare puntualità e regolarità del servizio. Saranno introdotte 2 relazioni veloci e dirette fra Belluno e Padova in partenza da Belluno alle 8.44 e 13.34 e da Padova alle 11.25 e 16.25. Relazioni dirette anche nel weekend con una nuova coppia di treni fra Venezia e Calalzo (Venezia S. Lucia 7.40 – Calalzo 10.27; Calalzo 17.40 – Venezia S. Lucia 20.16) e nei festivi una coppia di treni fra Vicenza/Padova e Calalzo (Vicenza 6.55 – Calalzo 10.10; Calalzo 17.58 – Vicenza 21.28).
Ulteriore novità per i pendolari della provincia di Belluno sarà l’attivazione entro fine anno della prima fase del progetto di integrazione ferro-gomma grazie all’accordo fra Trenitalia e Dolomiti Bus con il sostegno di Regione e Provincia. A partire dal 13 dicembre infatti sulle tratte Feltre – Belluno e Belluno – Calalzo, entrerà in vigore un orario integrato ferro-gomma con un servizio cadenzato all’ora (treno o autobus) a cui sarà possibile accedere indifferentemente con titolo di viaggio Trenitalia. Tale progetto vedrà la sua completa realizzazione solo con la creazione della tariffa unica e la dotazione da parte delle imprese di trasporto di un unico sistema di bigliettazione e validazione.
Piccola rivoluzione anche sulla linea Bassano-Venezia con l’introduzione di una doppia offerta commerciale oraria fra Bassano e il capoluogo lagunare. Gli attuali treni Regionali Castelfranco-Venezia S. Lucia verranno prolungati fino a Bassano con le fermate aggiuntive di Castello di Godego e Cassola mentre i Regionali Veloci, in partenza due minuti prima rispetto all’orario attuale, fermeranno anche a Salzano e Spinea (partenze da Bassano ai minuti 23 e 46 e da Venezia S.Lucia ai minuti 26 e 56). Novità anche per quanto riguarda i treni utilizzati sulla linea: correranno infatti solo i moderni Stadler attrezzati per il trasporto disabili e bici (posti a sedere 206) e attualmente utilizzati per svolgere il servizio fra Noale e Mestre che con il cambio orario non verrà più effettuato. I convogli saranno inoltre rinforzati nelle fasce di punta del mattino e della sera mettendo a disposizione dai 302 ai 412 posti a sedere. Infine, sempre su questa linea, è stata aggiunta una coppia di treni nella tarda serata (Venezia S. Lucia 21.56 – Bassano 23.13; Bassano 21.23 – Venezia S. Lucia 22.40).
Nuovi treni in fascia serale anche per i pendolari del Veneto orientale: due coppie di regionali circoleranno tutti i giorni con partenza da Portogruaro alle 20.06 e alle 21.38 direzione Venezia e ritorno da Venezia S. Lucia alle 21.48 e alle 23.11 verso Portogruaro.
Altri provvedimenti: una nuova coppia di treni fra Belluno e Conegliano (Belluno 20.20 – Conegliano 21.18; Conegliano 21.41 – Belluno 22.47) e l’introduzione della fermata di Santa Croce del Lago al treno 5638 (Belluno 13:20 – Conegliano 14:18) e al treno 5620 (Conegliano 18:41 – Belluno 19:47).
Con l’obiettivo di risolvere i problemi di affollamento del 20455/6 Legnago 6.54 – Padova 8.02, il collegamento sarà effettuato con uno Stadler in doppia composizione con un conseguente raddoppio dei posti offerti che passeranno da 206 a 412.
Incremento dei posti offerti anche sull’attuale treno 20885 Padova 12.49 – Venezia Mestre 13.24, dove al posto dello Stadler (206 posti a sedere) saranno utilizzati treni TAF (469 posti offerti).
Infine tutti i treni della Bologna-Verona-Brennero verranno effettuati con sei vetture di sola seconda classe.
Inoltre, un accordo tra MOM e Trenitalia permetterà agli oltre mille studenti del polo di Lancenigo di utilizzare lo stesso biglietto dell’autobus a bordo di un nuovo treno in partenza da Treviso alle 7.44 e del successivo previsto in orario alle 7.54. Per il ritorno gli studenti potranno utilizzare indifferentemente l’autobus o il treno e, oltre ai treni che attualmente già fermano a Lancenigo, verrà assegnata tale fermata anche al treno RV2861 (Lancenigo 12.44) e RV2863 (Lancenigo 13.44).

"1" Comment
Comments are closed
IlPendolare Magazine - La Gazzetta dei Trasporti Registrazione Tribunale di Roma n. 461/2007 Una realizzazione Officina Mediatica di Giovanni Giglio - P.Iva 12971161000 // Hosted by Aruba
****